Slide background

CONSULTA

Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Non è Natale
senza il panettone
della Factory
Cosa aspetti a prenotarlo?
VAI ALLO STORE
Slide background
Alla ricerca di un catering
per il tuo matrimonio?
LE NOSTRE PROPOSTE
Slide background
Voglia di nuovi sapori
in cucina?
CLICCA QUI
Slide background
Sono tornate le
Cookin’ Experience
SCOPRI IL CALENDARIO
Slide background
Vuoi festeggiare
l’addio al nubilato
in cucina?
CLICCA QUI
Slide background
Cerchi un’idea per un
team building esclusivo?
CLICCA QUI
Slide background
Sei alla ricerca di
un VERO Brunch
in stile newyorkese?
CLICCA QUI
Slide background
Voglia di nuovi colori
in cucina?
CLICCA QUI

Cos'è la cucina sostenibile?

LA CUCINA SOSTENIBILE

La cucina sostenibile si basa su tre assunti importanti: riduzione dei consumi, riciclo e riutilizzo.

E dunque importante pianificare gli acquisti della settimana, fare la lista della spesa, elencando ciò che serve realmente, evitando così di riempire il frigorifero inutilmente.
Comprate meno, più spesso e di qualità, senza lasciarvi tentare troppo dalle offerte (che spesso nascondono anche delle “fregature”).

Riducete il consumo di carne e mangiate più legumi, definiti dalla FAO stessa i “semi nutrienti per un futuro sostenibile”, alternando specie e varietà diverse: fagioli, piselli, lenticchie, fave, cicerchie, lupini.
In questo modo tutelerete la biodiversità e, sostituendoli alla carne, contribuirete anche a ridurre le emissioni di gas serra.

Privilegiate i prodotti sfusi o comunque senza troppo packaging, e confezionati con materiali riciclabili.
Meno imballaggi significa minor produzione di plastica e bioplastica con conseguente risparmio di risorse per realizzarla e meno inquinamento.

Non buttate gli avanzi, che possono rappresentare una vera e propria risorsa in cucina, e scatenate la fantasia.
Un puré di patate può trasformarsi in ottime crocchette, il risotto può arricchire una frittata e il pollo avanzato può finire in una Cesar Salad.

Per stoccare i vostri avanzi nel frigorifero, sì a contenitori lavabili, meglio se in vetro, mentre pellicola e alluminio, come tutto ciò che è usa e getta, dovrebbero essere eliminati dalla routine quotidiana.
La plastica, ormai lo sappiamo, ha un ciclo di vita molto lungo ed è la principale responsabile dell’inquinamento marino, anche perché non tutte le sue forme sono riciclabili.
L’alluminio ha un piccolo vantaggio, quello di poter essere lavato e riutilizzato, ma è più inquinante a livello di produzione: per produrlo si utilizzano più combustibili fossili, si emettono più gas serra e si inquina maggiormente l’acqua.

Last but not least, cercate di comprare frutti e ortaggi di stagione, locali e coltivati in modo sostenibile e di evitare quelli che hanno fatto troppi chilometri per arrivare fino a noi.
In questo modo garantirete minor trasporto di cibo dal luogo di produzione a quello del consumo e minor utilizzo di combustibile per riscaldare le serre che fanno crescere prodotti fuori stagione.