Slide background

CONSULTA

Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Non è Natale
senza il panettone
della Factory
Cosa aspetti a prenotarlo?
VAI ALLO STORE
Slide background
Alla ricerca di un catering
per il tuo matrimonio?
LE NOSTRE PROPOSTE
Slide background
Voglia di nuovi sapori
in cucina?
CLICCA QUI
Slide background
Sono tornate le
Cookin’ Experience
SCOPRI IL CALENDARIO
Slide background
Vuoi festeggiare
l’addio al nubilato
in cucina?
CLICCA QUI
Slide background
Cerchi un’idea per un
team building esclusivo?
CLICCA QUI
Slide background
Sei alla ricerca di
un VERO Brunch
in stile newyorkese?
CLICCA QUI
Slide background
Voglia di nuovi colori
in cucina?
CLICCA QUI

Olio evo versus olio di oliva

OLIO EVO vs OLIO DI OLIVA. CHI SARA IL VINCITORE?

L’olio extra vergine di oliva è uno degli ingredienti più importanti della dieta mediterranea, ciononostante quando si legge sull’etichetta la dicitura Olio Extra vergine di Oliva (Olio EVO), non sempre si ha così chiara la differenza tra olio di oliva e olio extravergine di oliva.

Per quali ragioni un olio extravergine è meglio, dal punto di vista qualitativo, nutrizionale e organolettico di un comune olio di oliva?
Semplice, l’olio extravergine di oliva è l’unico olio di qualità superiore ricavato dalla spremitura del frutto delle olive con processi esclusivamente meccanici, REALIZZATI talvolta anche a freddo, ovvero al di sotto dei 27°.
E’ dunque un succo puro di olive con un carattere e un’identità definita che grazie al sistema di produzione mantiene inoltre immutato il suo contenuto in grassi e il suo potere antiossidante, cosa che gli olii che vengono sottoposti a processi di raffinazione invece perdono, durante la loro produzione.

L’olio di oliva è un olio invece ottenuto tramite la raffinazione dell’olio vergine di oliva, quindi con l’utilizzo di solventi o con coadiuvanti ad azione chimica o biochimica, oppure dalla miscela di olii di oliva vergini e olii di oliva raffinati ed è dunque di una qualità decisamente inferiore sotto tutti i punti di vista.

Riassumendo, la sostanziale differenza tra olio di oliva e olio extravergine è che si tratta di due prodotti distinti sia dal punto di vista qualitativo che nutritivo che di conseguenza economico e che, sebbene anche l’olio di oliva sia commestibile, sia meglio non utilizzarlo: non sapete cosa ci hanno messo dentro per poterlo produrre e dunque è da sconsigliare, sia per l’utilizzo a crudo che quello a caldo.
Via libera invece all’olio extra vergine che, a dispetto di quello che tanti credono, va benissimo anche per le cotture e addirittura per le fritture in quanto il suo punto di fumo, ovvero la temperatura massima che può raggiungere prima di iniziare a bruciare e decomporsi, andando a formare sostanze tossiche e a perdere tutti i nutrienti, si attesta intorno ai 200°.